Coronavirus: Annullato il Napoli Comicon

Come tutti ormai sappiamo è scoppiata la febbre del coronavirus, la nuovissima moda in arrivo direttamente dalla Cina.
Ma il Comicon dice no a questa tendenza assurda e come manovra preventiva, per la sicurezza dei cittadini, decide di annullare la fiera di quest’anno per evitare il propagarsi del virus. Lodevole manovra anche se alcuni scienziati hanno avuto da ridire in merito a questa fiera: Il Napoli Comicon è una fiera prodotta in laboratorio al solo scopo di vendere i biglietti. Ormai lo abbiamo capito tutti e con questo buonismo non incantano nessuno. Queste sono state le parole di un noto scienziato (come sempre uno a caso) che ha rivelato di essere al lavoro su un vaccino che debellerà per sempre questa piaga del Napoli Comicon: Non posso divulgare ancora informazioni sul mio progetto supersegretissimo, ma vi assicuro che il mio vaccino (nome in codice F.I.G.A.) risolverà il problema PER SEMPRE!!!11!  

Napoli Comicon: ingresso vietatissimo ai cosplayer

nocosplay

Ci siamo ormai lasciati la Pasqua alle spalle da diverso tempo, e se c’è una cosa che la storia nel corso dei secoli ci ha insegnato, è che subito dopo l’annuale resurrezione di Cristo arriva quella del Napoli Comicon. Quest’anno i capoccioni della fiera fumettistica meno fumettistica del panorama fumettistico hanno deciso di far le cose veramente in grande (e meno fumettistiche possibile), dicendo basta a Valsoia e a tutti quei cosplay orribili che danneggiano l’aspetto estetico della fiera. Motivo per il quale i cosplayer ritenuti brutti o mal vestiti verranno arrestati con effetto immediato all’ingresso della struttura. Le parole di uno a caso degli organizzatori in merito alla questione sono state chiare: “Siamo veramente stufi di questa situazione. Il cosplay è fatto per tutte quelle persone che amano mettere in mostra la loro mercanzia, dagli addominali scolpiti LGBT alle tettone che tanto amiamo, e tutta quella gente brutta, grassa e vestita di merda rovina la fiera! L’anno scorso ho visto un Naruto che somigliava a Tony Tammaro. Basta!”

Ministero vieta la vendita di manga in Italia

mancro

No, non avete letto male il titolo (oppure si, che cazzo ne sappiamo?). Come un fulmine a ciel sereno arriva la notizia  direttamente dal Ministero dei Fumetti (uno dei Ministeri più in voga dopo quello delle Camminate Beote): in Italia, da maggio in poi sarà assolutamente vietato per edicole, fumetterie e librerie vendere manga.
“Perché va bene che in Italia abbiamo neri, cinesi, grillini e pasticceri, ma almeno i bimbiminchia o giappominchia o come minchia si chiamano, cerchiamo di toglierceli dai coglioni”, queste sono state le parole del sottosegretario del Ministero secondo il quale, i manga renderebbero i ragazzi molto stupidi o, peggio ancora, gay.
Il sottosegretario ha inoltre dichiarato la posizione del Ministero riguardo a fiere fumettistiche varie (come il Napoli Comicon ormai alle porte): “Abbiamo cercato di far chiudere il Comicon, ma dopo una attenta analisi i nostri scienziati hanno scoperto che queste fiere non sono un pericolo per i nostri ragazzi. Infatti non solo non ci sono fumetti di alcun genere, ma sono anche piene di pucchiacca. E a noi sta benissimo. Anzi!”

tumblr_m42x70tf2s1qecuxj

[BNN] Addio Napoli Comicon, quello del 2015 sarà l’ultimo. De Magistris: “Troppi cuozzi, non ci piaceva più”

NAPOLI COMICON 2014, DIRETTA LIVE TWITTER DALLA MOSTRA D'OLTREMAREIl Napoli Comicon, la grande fiera del sud Italia di fumetti e videogiochi dedicata al cosplay, sta per chiudere i battenti. L’anno prossimo infatti sarà l’ultimo per l’importante evento a cui tutti gli appassionati e addetti al settore guardano con grande interesse. La colpa è da attribuirsi ai cuozzi che ormai da circa tre anni imperversano per la mostra, andando a infastidire teneri Power Ranger rossi indifesi e molestare ragazzine semivestite dai loro personaggi seminudi preferiti per via della profondità dell’interpretazione connessa. Assurdo se si pensa che erano già state confermate le date per almeno i prossimi due anni. Intervistato in merito alla questione, l’amatissimo sindaco della città ha così risposto: “È stata una decisione improvvisa e inevitabile anche se molto sofferta, la situazione stava diventando insostenibile. Il cartonato di Sheldon era un essere speciale e ci mancherà per sempre.”

the-jackal-con-de-magistris-638x425

L’ amatissimo che apprezza l’atmosfera della fiera insieme ad un paio di ingenui passanti