Napoli Comicon: ingresso vietatissimo ai cosplayer

nocosplay

Ci siamo ormai lasciati la Pasqua alle spalle da diverso tempo, e se c’è una cosa che la storia nel corso dei secoli ci ha insegnato, è che subito dopo l’annuale resurrezione di Cristo arriva quella del Napoli Comicon. Quest’anno i capoccioni della fiera fumettistica meno fumettistica del panorama fumettistico hanno deciso di far le cose veramente in grande (e meno fumettistiche possibile), dicendo basta a Valsoia e a tutti quei cosplay orribili che danneggiano l’aspetto estetico della fiera. Motivo per il quale i cosplayer ritenuti brutti o mal vestiti verranno arrestati con effetto immediato all’ingresso della struttura. Le parole di uno a caso degli organizzatori in merito alla questione sono state chiare: “Siamo veramente stufi di questa situazione. Il cosplay è fatto per tutte quelle persone che amano mettere in mostra la loro mercanzia, dagli addominali scolpiti LGBT alle tettone che tanto amiamo, e tutta quella gente brutta, grassa e vestita di merda rovina la fiera! L’anno scorso ho visto un Naruto che somigliava a Tony Tammaro. Basta!”

Annunci

[BNN] Gesù di Nazareth al Napoli Comicon per presentare il suo nuovo fumetto “A Cristo piace”

Cefalu_Christus_Pantokrator_cropped

Incredibile carnet di ospiti quest’anno per il Napoli Comicon, la fiera della seminuda più importante del Sud Italia. Oltre ad personaggi come Manara, Recchioni, Ortolani e Zerocalcare, questa edizione ospiterà nientemeno che Gesù detto il Nazareno! Sì, perché il Messia preferito da Papa Francesco ha deciso di buttarsi anche lui nella brutale mischia del mondo del fumetto autoriale, omaggiando uno dei suoi autori preferiti, Giacomo Bevilacqua, con il titolo della sua prima fatica, “A Cristo piace”! In una intervista rilasciata ai microfoni del programma “A sua fermoimmagine”, il Salvatore delle genti ha così in verità detto riguardo al suo fumetto: “A differenza di A Panda piace, il mio fumetto ha almeno dieci volte il numero di pagine, questo perché sono molto più amorevole e comprensivo nei confronti del prossimo e del mondo in generale. Tranne i froci ovviamente, quelli proprio non li sopporto”. Ed esprimendo un’opinione sugli altri invitati ha sentenziato: “Adoro Tony Tammaro, sono qui praticamente solo per lui! La mia canzone preferita è “Tien’ ‘e corna”, anche se mio padre mi sgridava sempre quando la canticchiavo, non ho mai capito il perché. Per me al di sopra di Tony Tammaro c’è solo Marziano”. Ma il momento più atteso del suo intervento sarà ovviamente quello delle parabole, in cui si rivolgerà a tutti gli antennisti.